NON MI UCCISE LA MORTE@ 18 GIUGNO INCONTRO CON I GENITORI DI STEFANO CUCCHI

 

flyercucchifronte.jpg 

Stefano aveva 31 anni quando è stato fermato dai Carabinieri con pochi grammi di fumo.

Stefano è stato massacrato di botte già in caserma, arrestato e pestato a sangue ed è morto all’ospedale Sandro Pertini di Roma senza che nè i familiari nè l’avvocato potessero vederlo.
Stefano è morto di carcere, di autoritarismo, di “sicurezza”.

Un caso limite che ricorda storie sentite troppe volte in Italia, quelle di un apparato poliziesco incline all’uso della violenza in maniera sistematica: c’è un sottile filo rosso che unisce la storia di Stefano a quelle di Federico Aldrovandi, Marcello Lonzi o Aldo Bianzino ed è il rosso sangue dei tanti ragazzi che in questi anni si sono ritrovati arrestati e picchiati in maniera arbitraria.

La sicurezza tanto invocata da media e politici compiacenti non è per tutti in Italia ma anzi fa capolino – fra leggi speciali liberticide e atteggiamenti autoritari delle forze dell’ordine – come giustificazione al clima di ordine e disciplina che si respira in Italia.

Che ci sia un comportamento deviante in partenza delle Forze dell’Ordine e una gestione mediatica degli eventi parecchio “embedded” ci sembra un dato di fatto, proviamo questa sera a cercare di fare un po’ di chiarezza rispetto alla storia di Stefano.

Venerdì 18 giugno, alle ore 20:30 presso la Sala del Mutuo Soccorso, in via Zambonate 33 a Bergamo, interverranno:

* i genitori di Stefano Cucchi
* avv. Mirko Mazzali
* Enea Guarinoni, giornalista di Radio Popolare
* intervento telefonico dell’avv. Fabio Anselmo, legale delle famiglie Cucchi, Uva e Aldrovandi

 

PER INFO VAI SU:

 

http://www.pacipaciana.org/2010/06/14/non-mi-uccise-la-morte-incontro-con-i-genitori-di-stefano-cucchi/

 

This entry was posted in Appuntamenti. Bookmark the permalink.