Alessandro LIBERO Subito! COMUNICATO:

 

Martedì 19
maggio a Torino migliaia di studentesse e studenti hanno dimostrato come il
fuoco delle mobilitazioni di questo autunno contro il decreto Gelmini non si
sia spento, andando a contestare il G8 university summit con rabbia e
determinazione. Un summit che si svolge durante una crisi causata dalla stessa
istituzione illegittima che di questa crisi è la diretta responsabile,
riempiendosi la bocca a sproposito di termini quali sostenibilità e sviluppo,
quando i fatti hanno evidenziato l’insostenibilità di questo  sistema
economico e all’interno di questo le misure proposte per la trasformazione
delle università secondo il modello aziendale.

Delle grandi
mobilitazioni che in questo autunno hanno coinvolto centinaia di migliaia di
persone per la difesa di una formazione libera e accessibile a tutti e tutte è
rimasta la capacità di rendere gli studenti, i lavoratori e i ricercatori degli
atenei i protagonisti di un grande cambiamento dal basso: una reale opposizione
sociale che oggi ha dimostrato la maturità per riprendersi le strade di Torino
e isolare i baroni e il loro insostenibile summit come un corpo estraneo da
quello che è il reale mondo universitario.

Un’estraneità
che si è manifestata anche nell’incredibile presenza di forze dell’ordine in
assetto antisommossa a difesa del fortino dei baroni, che ha evidenziato
ulteriormente la distanza tra la loro idea di formazione e l’univeristà che
invece reclamano gli studenti, i lavoratori e i ricercatori, istituendo
addirittura una ‘zona rossa’, inaccessibile e militarizzata come ai tempi delle
giornate del G8 genovese del 2001.

Nel legittimo
tentativo di non accettare divieti e zone off limits, un grande corteo di
studenti partito da Palazzo Nuovo, ha sfilato per le vie della città cercando
di raggiungere il luogo dell’insostenibile summit, trovandosi a fronteggiare un
ingente numero di poliziotti e carabinieri, che non hanno esitato a caricare la
manifestazione. All’interno di queste cariche Alessandro, un nostro compagno, amico, fratello, è
stato tratto in arresto.

Chiediamo la sua
immediata liberazione, rivendicandoci tutto il percorso che ci ha portato oggi
a Torino a contestare il loro modello di università e tutte le pratiche che,
dalle mobilitazioni di massa di questo autunno, ai blocchi metropolitani, fino
alla rabbia e alla determinazione di questo corteo, hanno caratterizzato
l’azione autorganizzata degli studenti in questi ultimi mesi. La nostra lotta
non è finita… è appena cominciata!

 

Alessandro libero subito!

Domenico libero subito!

                                                                                                                        

             Rete Studenti Milano – Retestudenti.noblogs.org

Corsari-milano.noblogs.org

Adesioni:

Palestra popolare Milano

Uninversi.org

Kaos Bovisa (Collettivo auto organizzato studentesco)

Coordinamento Città studi

Collettivo autart brera

Collettivo No Pasaran – mediazione culturale

Collettivo scienze politiche

Cordinamento dei collettivi studenteschi di Milano e provincia

Rebel8

Chainworkers

Leoncavallo Spazio Pubblico Autogestito

Cascina autogestita Torchiera senz’acqua

Csa Baraonda

Associazione Dax 16Marzo2003

Sos Fornace

  

Onda anomala Torino

Onda anomala Bologna, Cua Bologna, Laboratorio autogestito Crash

Onda anomala Palermo, Cua Palermo, Csoa ex carcere

Onda anomala Padova

Onda anomala Pisa, Area antagonista pisana

Onda anomala Roma, Atelier occupato Esc

Csa pacì paciana, Studenti autoconvocati di Bergamo

Coordinamento Studentesco Schio, Spazio autogestito Arcadia (Vicenza)

Cosenza antagonista, Cpoa Rialzo, Rebel Fans Ultras Antifa

Csoa la Talpa e l’orologio (Imperia)

Csoa Zapata (Genova)

 

 

Per Adesioni: Rsm@autistici.org

This entry was posted in Comunicati. Bookmark the permalink.